Los tramposos
Los tramposos

Los tramposos

Les tricheurs

Audio y subtítulos

Versión Original con Subtítulos en Español

dirección

Marcel Carné

País

Francia

Año de producción

1958

Estreno en cines

20/12/62

Ver ficha

IMDB

Sobre la película

'Los tramposos’ es un filme con una banda sonora maravillosa que retrata las experiencias de un grupo de jóvenes en la Francia de posguerra. Las vivencias de un grupo de estudiantes que se mueven entre la apatía, sueños irrealizables y despreocupación por todo lo que sucede a su alrededor.

NR < 12 años

Dirección y reparto

Avatar por defecto de un usuario no logueado
Los comentarios despectivos y los spoilers serán moderados. Si tienes cualquier problema escríbenos a contacto@filmin.es
  • Enrico Azzano

    de Positif

    Les Tricheurs, alias Peccatori in blue jeans, diretto da Marcel Carné nel 1958 è un buon film, magari un po' ingessato e figlio di una generazione oramai stanca, ma indubbiamente assai importante per la Storia del Cinema, per quel passaggio generazionale che proprio alla fine degli anni Cinquanta si concretizzava in Francia, con l'esplodere della Nouvelle Vague e il declino inevitabile del “cinema dei padri”, messo alla berlina dai giovani e rampanti critici dei Cahiers du cinéma. Carné, celebrato autore di titoli memorabili come Albergo Nord (1938), Alba tragica (1939) e Amanti perduti (1945), cercava proprio con Peccatori in blue jeans di indagare queste nuove (e strane) generazioni, la loro rabbia, malinconia, malcontento: un rinnovamento dal punto di vista dei contenuti, ma non nella sostanza e nell'estetica, che non placò le critiche di quei teorici/cineasti che nel giro di un paio di stagioni avrebbero rivoluzionato buona parte del cinema (dello sguardo del cinema e dello sguardo sul cinema). Dopo l'uscita del film di Carné, nell'ottobre del 1958, si sarebbero susseguiti i vari I cugini di Claude Chabrol (marzo 1959), I quattrocento colpi di François Truffaut (maggio 1959) e Fino all'ultimo respiro di Jean-Luc Godard (1960): facile capire, quindi, il perché delle critiche a un film che parlava di giovani con tono troppo didascalico e paternalistico, un cinema troppo “adulto”, lontano nei fatti e nelle idee da una generazione che non si riconosceva nelle categorie estetiche, culturali e morali imposte dall'alto.

    8.0 8.0